Brunehaut Bio Blonde

5,00

La Blonde, fra le quattro birre della gamma, è forse la birra un po’ meno caratterizzata e più “labile”. Una Belgian Ale beverina, ma non sorprendente, dal corpo rotondo e relativamente semplificato. Bionda, ma non limpidissima, schiuma corretta ma non fantasmagorica, naso relativamente fresco, ma anche molto leggero e volatile: regala solo un po’ di malto, una leggera astringenza fruttata e un cereale leggero e fuggevole. Finisce svelta, quasi come una lager.

Categoria:

Descrizione

La Brasserie de Bruenhaut “porta” un nome importante: la chausses Brunehaut era la strada, che ripercorrendo un antico tracciato romano, portava da Amiens a Colonia. E Rongy, nella provincia vallone dell’Hainaut, 12 km. da Tournai, si trova nei dintorni di quell’antico tracciato. Proprio a Rongy, nel 1992, Guy Valschaerts (assieme alla moglie), già mastro birraio in Africa, apre, o meglio, riapre la Brasserie di Brunehaut. Che fino al 1990 non si chiamava così, e non si trovava a Rongy, bensì a Guignes, un paesino distante soli 6 km., sempre vicinissimo al confine francese. A Guignes esisteva dal 1890 la Brasserie Groetembril – Allard, di proprietà della famiglia Allard, che l’ha mantenuta in attività fino al 1990, appunto, e che aveva nel proprio range produttivo anche alcune birre dal nome Brunehaut.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.