Westmalle Tripel

5,00

Bel colore oro antico, schiuma compatta, cremosa e abbondante, con un perlage che ricorda lo champagne (in Belgio la chiamano ancora, non a caso,  “lo champagne di Campine”). L’aroma: ricco e complesso, molto pronunciato, con sentori fruttati (banana), un luppolo vivacissimo e un tocco di malto nel sottofondo. Il corpo è robusto, strutturato e caldo: il luppolo la fa da padrone, in un contesto fruttato, e la potenza dell’alcool la completa nel finale. Moderatamente frizzante, da vita ad un finale secco e asciutto, mediamente astringente e nettamente amaro. L’invecchiamento la fa variare nel gusto, fino ad una preponderanza del fruttato e abboccato.

Categoria:

Descrizione

L’abbazia di Westmalle, appartenente anch’essa all’ordine dei Cistercensi della Stretta Osservanza, si trova  a Malle, sulla strada che congiunge Antwerp a Turnhout, a nord-est di Anversa, nella regione delle Fiandre.La produzione interna di birra a Westmalle inizia nel 1836, sotto la guida del primo abate, dom Martins, che delibera la costruzione di un ambiente ad essa preposto. I lavori terminano entro la fine dell’anno stesso e i monaci producono, in questa prima fase,  solo per il fabbisogno interno; questo fino al 1860. Infatti dall’anno successivo inizia la vera e propria commercializzazione dei prodotti, il tutto con un immediato successo, che spinge la comunità monastico ad allargare e ammodernare ripetutamente gli impianti. Nel 1932 il priore deposita come marchio registrato il logo e il nome delle proprie birre, preceduto dall’appellativo “trappistenbier”, e nel 1935 viene definitivamente registrato un modello di bottiglia che reca stampigliato sul collo le lettere “A” e “W”, ancora oggi usata.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.